National, Jazzmaster e mandolini per Jack and the Delivery Men

È veramente una soddisfazione vedere l’impegno che Jack and the Delivery ci mettono nel fare le cose. Questo è il loro secondo album, The long trip of Mr. Toad, con la copertina del fotonico Alan Forbes (il nome Black Crowes vi dice nulla?)

Io ho portato tutto quello che avevo e sono finito in tre brani. Rag and bone kinda man è sicuramente il mio preferito, una ballata intensa e delicata. E c’ho buttato un solo di Jazzmaster che farebbe commuovere un agente immobiliare. A breve uscirà anche in digitale. Per adesso se volete una copia potete scrivere direttamente alla band qui.

Grazie a Iacopo, Alessandro ed Eleonora per avermi reso parte di tutto questo.